Archivi tag: Duccio Traina

Lupi: “Pronti per Expo 2015. Semplificazione contro corruzione”

Saremo pronti per Expo 2015. Il Ministero ha dato la disponibilità di Italferr e non ci saranno problemi. L’importante è che adesso si possa tornare a parlare di contenuti, di alimentazione. Expo sarà una importante vetrina per l’Italia e consentirà alle diverse parti del mondo di tornare a confrontarsi”. Lo ha detto Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture dei Trasporti intervenendo questa mattina al corso di alta formazione politico-istituzionale Eunomia Master.

Sulle priorità infrastrutturali, Lupi ha sottolineato come “le opere strategiche sono quelle delle reti e del collegamento dei nodi. È fondamentale selezionare per non disperdere le risorse. Bisogna inoltre accelerare sulle infrastrutture le cui risorse sono già finanziate. Le infrastrutture sono fondamentali per la competitività, ma le reti non sono solo autostrade e ferrovie, per questo, come ci richiede l’Europa, stiamo lavorando oltre che sulle autostrade materiali anche su quelle immateriali, per la digitalizzazione del Paese”.

Nell’ambito del corso, organizzato dall’associazione Eunomia e giunto alla sua decima edizione, Lupi ha tenuto oggi una lezione su “Opere pubbliche e sistema degli appalti” insieme al professor Duccio Traina. “E’ importante – ha detto Lupi – che le regole si adeguino agli obiettivi, che devono essere chiari e individuati con trasparenza. Per evitare fenomeni di corruzione a mio avviso non serve irrigidire le norme o burocratizzare ulteriormente, al contrario è indispensabile semplificare ed eliminare passaggi nei quali può trovar spazio la corruzione. Oltre, ovviamente, a prevedere vere funzioni di controllo”.

Al tavolo, in qualità di relatore, anche l’avvocato Duccio Traina, professore di diritto pubblico all’Università di Firenze.

A coordinare l’incontro, il professore Marcello Cecchetti, ordinario di istituzioni di diritto pubblico all’Università di Sassari.

Lupi, Bassanini, Clarich, Gutgeld: come cambia lo Stato

“Cantiere Amministrazione” è il titolo del secondo appuntamento di Eunomia Master, che si terrà a Villa Morghen a Settignano venerdì 13 e sabato 14 marzo.
Quest’anno il corso di Alta Formazione politico-istituzionale è dedicato al “Cantiere Italia. Come le riforme stanno cambiando il Paese”.

L’Eunomia Master, giunto alla decima edizione, è divenuto un punto di riferimento per la formazione della nuova classe dirigente italiana. La formula consente ai partecipanti, provenienti da tutta Italia, di conoscere e confrontarsi con studiosi, giornalisti, manager di grandi aziende sui temi dell’attualità politico-istituzionale. La formula seminariale, concentrata tra il venerdì pomeriggio e il sabato mattina, favorisce anche la creazione di una rete di conoscenza e amicizie che, al di là della diversa appartenenza politica, è fondamentale per creare una classe dirigente.

L’Eunomia Master di quest’anno si è aperto, il 27 febbraio, con una lezione del ministro Maria Elena Boschi. Il 14 marzo parteciperà un altro esponente del governo, il ministro per i Trasporti e le Infrastrutture Maurizio Lupi. Ma ecco in dettaglio il programma degli incontro di questa seconda sessione.

Il 13 marzo a partire dalle 15.00 Franco Bassanini e Marcello Clarich, coordinati da Giorgio Giovannetti, faranno il punto sulla riforma della Pubblica amministrazione.
Trasparenza e anti-corruzione saranno, invece al centro degli interventi del giornalista del Corriere della Sera Sergio Rizzo e del ricercatore Alessandro Natalini, coordinati da PierFrancesco Lotito.

Il 14 marzo saranno il ministro Maurizio Lupi e il professor Duccio Traina ad affrontare il tema delle “Opere pubbliche e sistema degli appalti”. La sessione sarà coordinato da Marcello Cecchetti.
Seguiranno gli interventi del consigliere di Stato Paolo De Ioanna e del deputato Itzhak Yoram Gutgeld sulla spending review e la riforma fiscale. A coordinarli Marco Carrai.

Agli incontri saranno ammessi soltanto i corsisti, 55 giovani impegnati nel mondo della politica e delle Istituzioni (manager, sindaci, assessori e consiglieri comunali, dirigenti pubblici, segretari di partito, assistenti parlamentari) e selezionati dal Comitato scientifico di Eunomia sulla base del merito e del curriculum. Tutti gli “eunomisti” partecipano al master che si tiene a Villa Morghen grazie alle borse di studio erogate dagli sponsor. Alla fine del corso, come di consueto, sarà rilasciato loro un attestato di frequenza.