Archivi tag: lorenzo becattini

Eunomia Energia, sessione dedicata a geopolitica e mercati europei

“Il ruolo di Snam è quello di facilitatore di una possibile ripresa dei mercati e degli investimenti. Come system-operator è impegnato nella gestione delle infrastrutture necessarie e nel garantire la sicurezza dell’approvvigionamento di gas alle imprese e ai cittadini italiani, favorendo gli interscambi anche a livello europeo e allineando i prezzi italiani alla media continentale”. Così Carlo Malacarne, AD Snam è intervenuto questa mattina a Eunomia Master, nell’ambito della sessione dal titolo “La transizione energetica. Geopolitica, mercati, tecnologia”.

La nostra azienda è uno degli esempi di come possa funzionare la collaborazione fra aziende private e pubblico quando il quadro normativo di base è ben organizzato. Terna nel 2015 investirà 1 miliardo di euro, soprattutto venendo incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese. A livello interno,abbiamo promosso un programma di anticipazione della pensione volontaria per il 15% dei dipendenti, allo scopo di creare nuovi posti di lavoro per i giovani, condizione indispensabile per far ripartire il Paese” ha sottolineato Matteo Del Fante, AD Terna, impegnato nel confronto sullo scenario attuale dei mercati europei del gas e dell’energia elettrica.

Insieme a Malacarne e Del Fante, questa mattina a EunomiaMaster è intervenuto Pasquale Salzano, direttore Affari Istituzionali Eni, che ha delineato la situazione attuale a livello internazionale: “Eni come azienda integrata nell’energia è centrale per l’economia italiana ed europea. In questo scenario per garantire la sicurezza e l’approvvigionamento energetico è necessario non trascurare le risorse endogene e, al livello internazionale, guardare non solo ad est, ma anche al corridoio Nord-Sud, al Mediterraneo, all’Africa. È inoltre prioritario procedere ad una integrazione europea a livello di infrastrutture con le interconnessioni e ad una piena armonizzazione del contesto normativo”.

A coordinare la lezione, il presidente di Toscana Energia e deputato Lorenzo Becattini.

Eunomia Master si chiude con Giuliano Amato

Una giornata completamente dedicata all’energia, con gli interventi degli amministratori delegati delle maggiori aziende del settore. A seguire una lezione di Giuliano Amato su riforme e prospettive europee del “Cantiere Italia”. Terminerà così, venerdì 10 e sabato 11 aprile, la decima edizione del corso di alta formazione politico-istituzionale Eunomia Master.

Dopo aver affrontato temi cruciali per lo sviluppo del Paese, come i cambiamenti imminenti in campo istituzionale e le riforme dell’amministrazione della cosa pubblica, il fenomeno dell’immigrazione e la sua gestione e l’aumento della povertà e del disagio sociale nel Paese, Eunomia Master 2015 si concentra sul “Cantiere Giustizia” e sul futuro della transizione energetica.

Questo il programma in dettaglio.

Venerdì 10 aprile, a partire dalle 15, il consigliere del Quirinale per l’amministrazione degli affari della giustizia Ernesto Lupo e il presidente dell’Unione nazionale Camere civili Renzo Menoni, coordinati da Enzo Cheli, si confronteranno su “Giustizia Civile e nuovi diritti”. Alle 17.30 si terrà la sessione “Giustizia penale e garanzie”, con gli interventi dell’ex ministro della Giustizia Paola Severino, del coordinatore dell’ufficio Città sicura del Comune di Firenze ed ex procuratore capo del capoluogo toscano Giuseppe Quattrocchi e della professoressa di Scienza Politica Daniela Piana, coordinati da Pier Francesco Lotito.

La giornata di sabato 11 aprile sarà dedicata all’energia: alle ore 9 il vicepresidente di Eni Direzione Affari Istituzionali Pasquale Salzano, l’ad di Snam Carlo Malacarne e quello di Terna Matteo Del Fante parteciperanno alla sessione “Geopolitica, reti, mercati europei del gas e dell’energia elettrica”. Coordina Lorenzo Becattini. Alle 11.30 si discuterà della transizione energetica, con particolare riferimento al passaggio da fonti energetiche rinnovabili a fonti rinnovabili e al tema dell’efficienza energetica per la creazione di un modello di sviluppo sempre più sostenibile, con l’ad di Enel Francesco Starace, il CEO di Gdf-Suez Energia Italia Aldo Chiarini, Diego Percopo di HFV e la presidente dei Verdi Europei Monica Frassoni, coordinati da Pier Francesco Lotito.

Chiude alle 15 l’ex presidente del Consiglio dei Ministri e attualmente giudice della Corte Costituzionale, Giuliano Amato, con un intervento su riforme e prospettive europee del Cantiere Italia. Coordina Giorgio Giovannetti.

Starace (Enel Green Power): “Rinnovabili, l’Italia è già nel futuro ma non lo sa”

“Rinnovabili, l’Italia è già nel futuro ma non lo sa”. Lo afferma l’amministratore delegato di Enel Green Power Francesco Starace  ntervenendo a margine del corso di alta formazione politico istituzionale Eunomia Master, in corso a Villa Morghen a Settignano con l’ultimo weekend di lezione dedicato ai temi dell’energia. Continua a leggere